Quanto volte mi sono sentita porre questa domanda:

  1. Dottoressa, posso mangiare il cioccolato anche se seguo un regime ipocalorico?
  2. Ho sentito dire che il cioccolato fà bene, ma non fà ingrassare?
  3. Dottoressa perché devo prendere il cioccolato fondente, ha anche più calorie?

Quando si segue un regime ipocalorico o sano perchè si consiglia di prediligere un cioccolato fondente al 70% di cacao? Cosa significa? Sostanzialmente il 70 % è riferito al contenuto di cacao, questo designa che la restante percentuale, il 30% , sia relativo al contenuto di zucchero. Ne conviene che un cioccolato al latte e bianco abbia un basso contenuto di cacao ed alto di zucchero ma anche di grassi. Prima di questo, devo aggiungere che , anche il cioccolato, come tutti i prodotti alimentari, segue una normativa la quale consete di essere definito cioccolato il prodotto che contiene almeno il 35%  di sostanza secca derivante dal cacao la cuo % è variabile ma all’incirca, si agira tra 14% cacao magro e 18% burro di cacao, la parte grassa del cacao.

In commercio ne esiste una varietà notevole, differenti per gusto e forma, a seconda della qualità e della tostatura dei semi di cacao, del procedimento di lavorazione adottato e del gusto del paese nel quale il cioccolato viene prodotto.

Vediamo nella ffattispecie:

  • Cioccolato fondente: contiene solo pasta di cacao, burro di cacao, zucchero, vaniglia e, a volte, lecitina (un emulsionante) in quantitativi variabili. La percentuale di cacao deve essere almeno del 45% e il burro di cacao il 28%.
  • Cioccolato extrafondente: La  percentuale di cacao che può superare addirittura il 70% del peso.Di altissima qualità questo cioccolato è particolarmente adatto per essere consumato in tavolette.
  • Cioccolato al latte: si ottiene con l’aggiunta di latte in polvere, la quale deve essere almeno del 14%, il saccarosio aggiunto non più del 55%, il cacao non meno del 25% del peso.
  • Cioccolato amaro: si ottiene in seguito l’estrazione della maggior parte del burro di cacao, il cacao residuo viene tostato e ridotto in polvere. Si ottiene dalla miscela della pasta di cacao con burro di cacao. Non contiene zucchero!!
  • Cioccolato bianco: non contiene cacao e alcun genere di coloranti, per cui sotto l’aspetto tecnico non potrebbe essere definito “cioccolato”. Si ottiene miscelando solo burro di cacao per il 20% del peso, latte o derivati per almeno il 14%, e il saccarosio non più del 55%.

 

Le evidenze ci riportano gli innumerevoli benefici sui livelli di stress, sulle infiammazioni, sull’umore, sulla memoria e sul sistema immunitario

Il cioccolato fondente, al 70%, avendo un elevato contenuto di cacao, con un relativo cospicuo contenuto di flavonoidi, rinomati antiossidanti presenti negli alimenti di origine o derivazione vegetale, come il tè, il vino rosso, gli agrumi e i frutti di