Quante volte avrai digitato su Google ritenzione idrica o cellulite? Quante volte ti sarai disperata da una condizione che sembra permanente e irrisolvibile?

Bene, dopo tantissime richieste ho deciso di parlarvi di questa condizione così diffuso, così odiata dalle donne, così discussa per fare chiarezza, in primis, sulla natura di queste due condizioni: Cellulite VS. Ritenzione idrica! Due condizioni che vengono erroneamente additate come sinonimi, quando in realtà sono due condizioni distinte ma legate da comuni denominatori. Capiamolo insieme!

 

CELLULITE & RITENZIONE IDRICA: QUALI SONO LE DIFFERENZE?

  • La ritenzione idrica è dettata da una raccolta eccessiva di liquidi tra le cellule, che non si distribuiscono bene e si accumulano tra i tessuti.
  • La cellulite, invece, è la conseguenza di processi infiammatori che riguardano i vasi sanguigni, il tessuto adiposo e quello interstiziale. Quindi, se soffri di ritenzione idrica non per forza avrai come conseguenza la cellulite. Stessa cosa vale per il contrario: non è detto che la presenza della cellulite indichi un problema a livello linfatico.

 

Cos’è la cellulite?

La pannicolopatia edemato fibrosa – questa è la corretta terminologia medica che indica la cellulite, che è quella condizione che si presenta quando: il tessuto adiposo si accumula in modo eccessivo nello strato sottocutaneo e intrappola, con sé, anche l’acqua. Si, così, quella forma a buccia d’arancia che comunemente viene detta cellulite. Lo sviluppo di cellulite nasce da una disfunzione del microcircolo, ovvero della piccola circolazione, in quei distretti, che tende a creare dei setti fibrosi che intrappolanoà tessuto adiposo e l’acqua.  Può colpire aree