Oggi si parla spesso di integratori senza alcun tipo di conoscenza e competenza e in base alle voci di corridoio, si attribuisce un connatoto negativo o positivo. In primis, bisogna dire che gli integratori alimentari sono definiti dalla normativa di settore (Direttiva 2002/46/CE, attuata con il decreto legislativo 21 maggio 2004, n. 169) come:

prodotti alimentari destinati ad integrare la comune dieta e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive, quali le vitamine e i minerali, o di altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico, in particolare, ma non in via esclusiva, aminoacidi, acidi grassi essenziali, fibre ed estratti di origine vegetale, sia monocomposti che pluricomposti, in forme predosate”.

Dunque, in realtà non esiste il concetto che un integratore faccia bene o male, ma si tratta di capire quando, e se è necessario assumerli (sono necessari, per esempio, in alcune condizioni fisiologiche quali:sport, gravidanza, o se vi sono impedenze per il quale non è possibile assumere un tipo di alimento e dunque può risultare carente di qualche nutriente) e altresì importante  fare una scelta adeguata…e per farlo dobbiamo rivolgerci a professionisti nel campo alimentare e sportivo: un medico, o un nutrizionista, o  in collaborazione con un personal trainer.

Per questo motivo ho deciso di chiarire questi concetti intervistando due esperti in campo nutrizionale e sportivo: Il Dott.re Fabrizio D’Agostino Presidente Sifa, Biologo Nutrizionista e chinesiologo e Dott.re Fuda Dott.re in economia e commercio e Personal trainer

 

🍋Dott.ssa Hilary Di Sibio Biologa Nutrizionista
🍴Esperta in nutrizione culinaria & Antiaging
🔪 Nutritional consultant
👩‍🏫Docente di Nutrizione SIFA
💪Certified Personal Trainer